tamara2Lo straordinario percorso umano e artistico di Tamara de Lempicka, controversa e affascinante icona dell’Art Déco, viene qui raccontato in prima persona, attraverso un’immaginata confessione in forma di monologo, un singolare autoritratto in versi che a partire da precisi e documentati riferimenti biografici ricostruisce le tappe principali della sua vita e della sua pittura, restituendone in una veste poetica, ma dalla cadenza “narrativa” al tempo stesso, tutta l’audace poesia. Un gioco serissimo d’immedesimazione con la donna e l’artista la cui esistenza ha attraversato buona parte del Novecento, testimone diretta di rivoluzioni e guerre mondiali, di fasti aristocratici e povertà, di successi e ricchezze guadagnati con la sua arte, ma anche di una lunga impopolarità critica. Spirito nomade e nobile, personaggio oggetto, ad alterne fortune, di grande ammirazione e altrettanto forti pregiudizi, “La donna d’oro”, (definizione per lei coniata da Gabriele D’Annunzio, protagonista di uno degli aneddoti più significativi e affascinanti qui rievocati), eccentrica e disinibita, viziata e talentuosa, avventurosa e sofisticata, anticonformista e contraddittoria, rivive in quest’opera singolare e trasversale che traduce in cronaca poetica vicende storiche e biografiche, riferimenti artistici e scorci aperti sulle tante anime che hanno abitato un secolo tormentato ed esaltante come la vita stessa di Tamara de Lempicka.

La donna d’oro, one woman act, riduzione teatrale de La donna d’oro di Cristina Babino, peQuod Edizioni:

http://lacuginaargia.wordpress.com/la-donna-doro/

La donna d’oro, preview & reading @ Spazio Liberato Ex Breda, Pistoia, riprese di Gionata Gori, Immagine Studio: http://www.youtube.com/watch?v=wCtJwt_mHE4

tamara92tamara72novita_20090314_small39

Annunci